Contro il Salemi serve la partita perfetta

La formazione di Putaggio è una macchina da gol ed la migliore difesa del campionato
04.10.2018 09:45 di FA Redazione  articolo letto 333 volte
Olimpica Akragas
Olimpica Akragas

Archiviata la sofferta, ma meritata vittoria contro il Vallelunga, all’Esseneto di Agrigento, l’Olimpica Akragas prepara nel migliore dei modi il big match di domenica prossima, in trasferta, contro la corazzata Salemi, per la quinta di andata nel campionato di Promozione, girone A. I biancoazzurri affronteranno una squadra forte in ogni reparto, che punta senza mezzi termini al ritorno in Eccellenza. Il Salemi, allenato da Putaggio, è soprattutto una macchina da gol: quattro partite dodici reti, con una media di tre gol a partita. Il punto di forza è anche la difesa, una sola rete finora incassato, alla prima di campionato, nella sconfitta esterna, inaspettata, contro il Vis Borgo Nuovo Palermo. Poi solo vittorie, così come del resto ha fatto anche l’Olimpica Akragas, nelle ultime tre partite. Le due formazioni però sono divise in classifica da un punto, perchè la squadra di Giovanni Falsone, è partita dal meno uno per la mancata presentazione nella sfida contro il Casteltermini. La partita dunque promette spettacolo e tanto agonismo, anche per l’importante posta in palio. Il Salemi potrà contare sulla classe e l’esperienza di giocatori del calibro di Ilario in porta, Genesio e Volpini in difesa, Li Causi e Abate a centrocampo, Jimho, Erbini, Ike e Pisciotta in attacco. Tutti giocatori con un passato tra la serie D e l’Eccellenza. L’Olimpica Akragas, invece, si affida all’ottimo stato di forma dell’attaccante Giuseppe Santangelo, sempre a segno in campionato, autore finora di 5 reti, con due doppiette consecutive. Mister Falsone, potrà contare anche su due nuovi giocatori, ingaggiati proprio ieri. Si tratta dell'esterno offensivo Ferdinando Maniscalchi, classe 1998, originario di Palermo, ex Gela, Sancataldese e Messina, e il giovane e promettente centrocampista, Giuseppe Parlapiano, ex Allievi nazionali dell'Akragas.