Ancora una sconfitta per l'Akragas e ultimo posto in classifica

Gli ex Madonia e Sariniti regalano il successo alla Virtus Francavilla
 di FA Redazione  articolo letto 343 volte
Un momento del match
Un momento del match

Di Giuseppe Fileccia

E’ notte fonda per l’Akragas. La squadra biancazzurra ha perso con un passivo di due reti la partita odierna contro il Virtus Francavilla e si ritrova sempre più ultima in classifica del girone C di Serie C. I numeri per la squadra di Raffaele Di Napoli si fanno sempre più preoccupanti, in particolare il numero nove: si tratta della nona sconfitta stagionale a fronte di quattordici partite, con soli nove punti e nove gol segnati. Quella di oggi è inoltre la quinta sconfitta consecutiva per i biancazzurri , che non vincono una partita addirittura dal 23 Settembre (0-1 esterno sulla Casertana ). Come se non bastasse l’Akragas non segna un gol da quasi un mese (l’ultima rete è stata siglata nella sconfitta casalinga contro la Juve Stabia il 21 Ottobre ) e si ritrova con ben cinque punti in meno rispetto alla passata stagione, nella quale i ragazzi di Di Napoli avevano ottenuto quattordici punti in quattordici gare. Nonostante questi numeri da crisi nera, la squadra biancazzurra non può di certo essere accusata di scarso impegno. I Giganti hanno cercato con grinta e cuore di invertire la rotta, ma il risultato, forse un po’ troppo severo per quello che si è visto in campo, li ha puniti ancora una volta. Degli akragantini è infatti la prima occasione del match, una conclusione di Carrotta che finisce sopra la traversa,alla quale risponde pochi minuti dopo l’attaccante avversario Saraniti, che non riesce a superare il portiere Vono. Il vantaggio dei padroni di casa arriva alla fine del primo tempo proprio con Saraniti: la punta palermitana della Virtus Francavilla sfrutta il corner del compagno Buono e insacca la rete dell’1-0. Il secondo tempo non fa rimpiangere il primo e vede  le due squadre abbassare il ritmo e litigarsi la palla a suon di falli. L’occasione per porre fine alla crisi biancazzurra arriva all’ora di gioco: Salvemini viene servito da Parigi e manca l’appuntamento con il gol, sparando alto all’interno dell’area avversaria. Nei minuti finali i Giganti si spingono disperatamente nella metà campo avversaria in cerca del pareggio: un diagonale di Gjuci ed un colpo di testa di Parigi, finiti entrambi fuori, illudono i tifosi dell’Akragas. Nei minuti di recupero arriva la mazzata definitiva per il Gigante, colpito e affondato da Madonia, il quale servito da un lancio lungo della difesa pugliese, batte Vono dopo una corsa solitaria. L’atteggiamento che i ragazzi di Di Napoli messo in campo nella seconda parte del secondo tempo può però rivelarsi cruciale in vista della prossima gara di campionato, la partita casalinga contro l’Andria che verrà giocata allo stadio “Nicola De Simone”  di Siracusa.  La squadra pugliese è infatti una diretta concorrente dell’Akragas per la salvezza e occupa attualmente il terzultimo posto della classifica con dieci punti, ragion per cui una vittoria dei Giganti permetterebbe a Di Napoli di superare la crisi e di abbandonare l’ultimo posto della graduatoria. Cinque i precedenti fra le due squadre: una vittoria per l’Akragas, due pareggi e due vittorie per l’Andria.